CONNOTAZIONE GENERALE DELL’INTERVENTO

L’Operatore della vigilanza e sicurezza a tutela di beni e persone, è in grado di erogare servizi di vigilanza e sicurezza a tutela di beni e persone, in contesti pubblici e privati, attuando strategie di controllo e prevenzione e orientando azioni e comportamenti alla gestione positiva dei conflitti, nell’ambito della propria area di competenza e responsabilità.

FINALITÀ ED OBIETTIVI

Il corso intende fornire una preparazione teorico-pratica adeguata e conforme.

DURATA INTERVENTO

Durata totale: n. 300 ore a carattere teorico/pratico

REQUISITI DI AMMISSIONE

  1. Età: 18° anno compiuto;
  2. Titolo di studio: diploma di scuola media inferiore ovvero assolvimento diritto-dovere all’istruzione e formazione professionale ai sensi della normativa vigente. Coloro che hanno conseguito il titolo di studio all’estero devono presentare una dichiarazione di valore, rilasciata dalla competente Autorità, che attesti il livello di scolarizzazione.
  3. Gli studenti stranieri devono dimostrare una buona conoscenza della lingua italiana, parlata e scritta che consenta di partecipare attivamente al percorso formativo. Tale conoscenza deve essere dimostrata attraverso un test d’ingresso da conservare agli atti del soggetto erogatore della formazione.
  4. I cittadini extracomunitari devono disporre di regolare permesso di soggiorno valido per l’intera durata del percorso.

METODOLOGIE DIDATTICHE

Si utilizzeranno metodologie didattiche coerenti con gli obiettivi formativi previsti e adeguate agli stili di apprendimento degli utenti dei corsi. In particolare, le metodologie svilupperanno i processi cognitivi dei partecipanti e le loro dinamiche operative e relazionali. Oltre alle tradizionali lezioni teoriche, sarà ampiamente utilizzata la metodologia della simulazione e dei cosiddetti “giochi di ruolo”, al fine di sviluppare, attraverso l’apprendimento per esercizio, le proprie capacità relazionali in una successione di comportamenti implicanti il rapporto con altre persone.

MODALITÀ DI VALUTAZIONE

Sono ammessi alla prova di verifica finale soltanto coloro che hanno frequentato almeno l’80% delle ore di lezioni previste dal corso. La prova di verifica è organizzata e gestita secondo i principi di trasparenza e tracciabilitá delle procedure.

La verifica finale è diretta ad accertare il possesso delle conoscenze e l’acquisizione delle competenze tecnico-professionali previste. Essa sarà articolata in due parti:

  • Test scritto per la verifica del possesso delle conoscenze relative agli argomenti svolti all’interno dei moduli didattici
  • Prova in simulazione per la verifica dell’acquisizione delle competenze tecnico-professionali

Alla fine del test scritto e della prova in simulazione la Commissione d’esame valuterà le risposte e assegnerà un punteggio espresso in trentesimi.
Se la media delle prove suddette sarà superiore od uguale a 18/30, la prova di verifica sarà stata superata. Il mancato superamento della prova non consente il rilascio dell’attestato.

ATTESTATO

Verrà rilasciato un attestato di qualifica professionale riconosciuto dalla Regione Lazio.

CAPACITA’ ACQUISITE

Al termine del corso l’allievo sarà in grado di procedere alle seguenti attività:

  • Lettura dei segnali di disagio e di bisogno individuale; mappatura dei bisogni e ricognizione delle caratteristiche fisiche e comportamentali delle persone.
  • Attuazione interventi di dissuasione e di ripristino della normalità; collaborazione con le forze dell’ordine; erogazione della mediazione comunicativa (ascolto, interpretazione, negoziazione); strutturazione registro linguistico per la gestione costruttiva dei conflitti.
  • Ispezione video con sistemi tecnologici di videosorveglianza; mappatura dei rischi e pericoli presenti nell’area di intervento; piantonamento e ispezione di ambienti interni ed esterni; segnalazione di malfunzionamenti (manomissioni, usure, guasti) di impianti e sistemi di sicurezza.
  • Coordinamento con il personale specializzato (forza dell’ordine, vigili del fuoco, ausiliari medici…); esame delle risorse disponibili fisiche e strumentali; realizzazione di manovre per la protezione di beni e persone; ricognizione delle priorità di intervento.

PERCORSO FORMATIVO

Il percorso formativo è suddiviso in 4 MODULI relative all’acquisizioni di competenze nelle seguenti aree:

MODULO

TITOLO UNITÀ FORMATIVA

N. ORE

I

DIAGNOSI COMPORTAMENTALE

38

II

MEDIAZIONE CONFLITTUALE

60

III

VIGILANZA BENI E AMBITI TERRITORIALI

96

IV

SVILUPPO AZIONI DI PRIMO INTERVENTO

106

Totale ore

300

CONSULTA E SCARICA TUTTI I MODULI NECESSARI ALL’ISCRIZIONE AL CORSO